La mia storia

Ricordo ancora oggi quel giorno del primo ottobre 2013, un fulmine a ciel sereno. Ero in ufficio e stavo elencando ad alcuni clienti i vantaggi che avrebbero avuto usufruendo dei nostri prodotti e servizi, quando il cellulare mi squilla ininterrottamente. Il numero non era in rubrica, pertanto non gli do importanza. Continuo così, serenamente la mia conversazione con i clienti.

Dopo pochi minuti, il cellulare riprende a suonare. Sempre lo stesso numero! Per fortuna ero rimasta sola in ufficio, così ho potuto rispondere.

Una sensazione di caldo soffocante mi invade, comincio a tremare. L’ambulatorio di analisi mi informa che i risultati effettuati per un regolare controllo, risultano totalmente fuori dai range pertanto urge un controllo da uno specialista.

Il giorno stesso scopro di essere affetta dal morbo di Basedow con ipertiroidismo e che se non inizio velocemente una terapia, potrei essere soggetta ad ictus e/o infarto. La paura mi invade, non riesco a capire cosa mi sta succedendo. Avevo totalmente altri progetti nei quali non rientrava iniziare una terapia con farmaci con la previsione di iodio radiazioni.

Dopo mesi di terapia farmacologia ed un imminente appuntamento per la radioiodio terapia, mi imbatto in un sito americano dove trattano la materia inerente alla tiroide, con le ricerche del Dr Morse.

Decido che non ho niente da perdere, che la strada meno battuta potrebbe essere quella che può condurmi alla rinascita e così la intraprendo. Dopo soli 3 mesi dalla scoperta della malattia autoimmune inizio il mio radicale cambio di alimentazione. Un regime totalmente vegetale, che prevede perlopiù frutta e verdura cruda. Una scelta alimentare che a distanza di un anno mi ha salvato la vita.

Ammetto che non è stato facile, il cambio alimentare non è facile d’accettare per chi ti sta vicino e lo è ancora di più per te stesso che lo vivi in prima persona. Devi abituarti a certi sapori, vorresti mangiare cose che ti sono sempre piaciute e che per te adesso rappresentano puro veleno. Devi combattere con i demoni che ti albergano nella mente, che ti sussurrano che stai perdendo tempo, che non potrà portarti a nulla di buono.

Poi sopraggiungono le crisi eliminative, quelle situazioni in cui il corpo deve espellere tossine, così ti prendono mega raffreddori e forti influenze, virus intestinali…

Il cammino è tortuoso ma può portare ad un contatto più intimo con noi stessi, a conoscerci meglio e a capire che prendendoci cura di noi potremmo riuscire a star meglio.

Dal 2013 ad oggi ho frequentato convegni, seminari, ho incontrato medici specialisti del settore, come oncologi integrati, dai quali ho avuto la possibilità e la fortuna di farmi un bagaglio culturale in materia. Attualmente sono ancora in continuo aggiornamento, frequentando vari corsi.

Per quanto riguarda la mia salute, ho sospeso la cura farmacologica dopo quasi un anno, ma solo per premura dell’endocrinologo, il quale ad ogni visita di controllo si stupiva positivamente dei risultati delle analisi, in quanto miglioravamo di volta in volta. Le iodio radiazioni non le ho mai fatte.

Oggi sono quì a raccontare la mia storia sperando i poter essere di aiuto per tutti coloro che stanno vivendo una situazione analoga ed hanno deciso che forse imbattersi nel cammino meno intrapreso dalla massa, è un forte atto di coraggio e di amore per se stessi.

Per ulteriori informazioni contattatemi.

 

 

Annunci